Fannie Flagg, le donne e l’arte del non deludere mai

Fannie Flagg non è una scoperta bensì una certezza. Prendi una sua opera, sceglila a occhi chiusi, e non rimarrai ugualmente deluso. Questo avviene anche con il suo ultimo romanzo, Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink’s Phillips Road, edito in Italia da Rizzoli.

Un libro scorrevole ma colmo di storie e storia: Sookie, donna dell’Alabama, pensa alla copertinasoglia dei sessant’anni alla sua vita futura, ora che tutti i figli hanno lasciato il nido materno. Certo, deve ancora occuparsi della madre Lenore, anziana tutto pepe, ma il tempo libero a disposizione sembra essere in procinto di dilatarsi. Invece una lettera dal Texas cambia tutto, svelandole porzioni di passato che rimetteranno in gioco il suo intero essere.

Cosa ci definisce in quanto individui? La nostra nascita o la nostra crescita? Saremmo persone differenti se i nostri genitori fossero stati altri o il nostro destino è già scritto? Queste solo alcune delle domande che Sookie si trova, di punto in bianco, a porsi. Perché Sookie conoscerà la storia di Fritzi, donna pilota che gestì con le sorella la pompa di benzina sulla Philipps Road 66, e immaginerà una vita diversa da quella che ha avuto.

La narrazione si snoda tra il presente e il passato, con le voci narranti di Sookie e Fritzi su tutte, quasi a voler paragonare le due donne nelle loro differenze e uguaglianze. Sookie, tranquilla casalinga dell’Alabama, e Fritzi, anticonformista del Midwest di famiglia polacca. Due donne intorno alle quali tutte le vicende si snodano; due donne che concentrano l’attenzione del lettore con la loro forza e le loro fragilità; due donne protagonista della propria vita e non solo. In Voli acrobatici e pattini a rotelle si ricorda, e esalta, la storia americana, tramite il racconto della vita delle WASP, le donne pilota che durante la Seconda Guerra Mondiale svolsero un ruolo fondamentale nell’aeronautica, senza però avere mai riconoscimenti militari, se non anni dopo quando si incominciò a parlare di loro.

Insomma, in un solo romanzo la Flagg ha raccolto più storie, ognuna interessante e coinvolgente, in un clima tipico dell’Alabama che ricorda al lettore un inizio di estate adatto proprio a questa lettura.

Annunci

Del ‘caso’ Winterson.

Non avrei voluto parlarne. O forse sì ma non ne ho avuto il coraggio sino ad oggi, quando mi è capitato sotto gli occhi uno degli articoli più approfonditi e, a mio avviso, intelligenti sul caso Winterson.

Jeanette Winterson è una scrittrice britannica popolare in tutto il mondo. In Italia, il suo successo è iniziato con l’opera Scritto sul corpo, nel 1992, e nonostante le varie opere scritte, nel nostro Paese, è conosciuta principalmente dalla comunità LGBT proprio per la sua dichiarata omosessualità.

E cosa avrà mai fatto di tanto assurdo questa scrittrice per finire sulla bocca di tutti gli italiani? Avrà scritto un nuovo libro? Avrà sbancato i botteghini grazie alla trasposizione cinematografica di una sua opera?

No. Ha ucciso un coniglio. Un coniglio selvatico che amava andare nel suo orto a mangiare il suo prezzemolo. Lo sbaglio – se di sbaglio si può parlare – è avvenuto in seguito, quando ha deciso di pubblicare le foto dell’animale con tanto di ricetta. Non l’avesse mai fatto. Il popolo del web, assolutamente dedito in massa al veganismo e al fruttarismo, adirato e scioccato, ha sepolto in massa la signora Winterson di insulti e minacce, arrivando addirittura a dire che i suoi libri non devono più essere letti o che dovrebbero almeno sparire dalle nostre librerie.

Ma quanti hanno realmente un libro di Jeanette Winterson in casa? Quanti conoscono la sua biografia? Rispondo io: pochi. Pochissimi forse. Tanto che in quasi tutte le grandi librerie si è fortunati se si trova una delle sue opere. Così mi sono resa conto del fanatismo, da me poco digerito in qualsiasi contesto. Perché la maggior parte delle persone che hanno asserito che non leggeranno più i libri della Winterson, assassina, in realtà non sapevano neanche fosse una scrittrice.

Personalmente non ho apprezzato l’idea di pubblicare le foto, così come non apprezzo la pubblicazione di molte altre immagini sul web, ma bisognerebbe capire che la signora in questione non ha fatto nulla di diverso da quello che facevano in passato i nostri nonni. E ringraziamo i contadini odierni e del tempo che fu. Possiamo forse farne una questione morale ed etica, decidendo che in questo caso la Winterson sia stata crudele e lasciando invece pulita la coscienza di chi mangia carne, senza ucciderla con le proprie mani? Allora tutti i vegani intervenuti in questa questione dovrebbero leggere esclusivamente opere di scrittori vegani (e come farete a controllarli per esserne certi?).

L’articolo che mi ha fatto decidere di scrivere questa piccola riflessione si trova sul blog I dolori della giovane libraia (qui) ed è un articolo molto interessante che ci mostra esempi di vari scrittori dalla vita moralmente dubbiosa. Li abbiamo sempre letti, li abbiamo esaltati, li abbiamo divorati, sapendo perfettamente chi fossero nella loro vita privata.

Leggo o non leggo?

La dura vita del lettore prevede differenti fasi:

  1. leggo sempre e comunque, anche quando ho solo cinque minuti liberi;
  2. non dormo stanotte a costo di leggere;
  3. non mangio oggi e risparmio tempo per leggere;
  4. vorrei tanto leggere ma proprio non ho tempo;
  5. vorrei tanto leggere, ho il tempo per farlo ma…

La QUINTA fase, la famosa fase che ha, in momenti diversi, colpito tutti noi, trasportandoci in un vortice di domande e riflessioni, è certamente la più difficile da accettare. Perché è Giugno, la temperatura è mite, il tempo a disposizione è quello adatto, quindi né troppo né troppo poco, ma non riesco a leggere. E ne avrei di libri: ho quelli ben posizionati in libreria, a prendere polvere; ho quelli ben ordinati nel tablet ad ammuffirsi digitalmente; ho quelli che la mia amata bibliotecaria attende da mesi – ma il paese è così piccolo che se qualcuno li chiedesse, può sempre venire a suonare il campanello – e ho quelli nella mia wish list, che quando li ho inseriti sapevo bene di non poter vivere senza. Ho preso un libro di Pennac, pensando che sta bene su tutto, come l’olio; ho aperto uno dei miei amati thriller pieni di sangue e assassini, sicura che non potesse non piacermi; ho provato ad acquistare il libro di una nuova autrice, mai letta e quindi più propensa ad incuriosirmi ma…NIENTE, non riesco a leggere niente.

Certo, non posso lamentarmi, avendo letto un centinaio di libri in questi primi mesi dell’anno, però appena non leggo sento di perdere del tempo prezioso. Magari la prossima settimana avrò voglia di leggere molto e lo farò, e mi sentirò in colpa perché ho troppi libri e, avendo sprecato svariati giorni, non potrò finirli tutti.

(Sfoghi di crisi insane)

Chiuso per Kindle – perché i librai esistono ancora.

Sono una lettrice media, come tanti e tante altre, e le mie recensioni non vogliono insegnare niente a nessuno ma semplicemente far trasparire un mio gusto personale e, se possibile, invitare talvolta altri lettori alla riflessione. Perché un libro può piacere o meno, dipende dal gusto personale, ma esistono anche opere oggettivamente scritte bene e opere oggettivamente utili per una nostra crescita personale.

Quindi comprate Chiuso per Kindle, di Massimiliano Timpano e Pier Francesco Leoffredi,

immagine dal web

immagine dal web

perché è un libro bello, scorrevole, piacevole e bla bla bla…CAZZATE. Se siete dei veri cultori dell’oggetto libro, se sapete ancora sognare entrando in una libreria e se, per vari motivi, avete almeno una minima conoscenza dell’editoria storica e moderna, acquistate questo volume perché dice tutto ciò che avreste voluto che qualcuno finalmente scrivesse a chiare lettere. Perché Chiuso per Kindle fa sorridere, ridere ma specialmente svela al lettore il reale mondo in cui vive un libraio – di quelli veri, personaggi mitologici ormai in estinzione – offrendo molti spunti di riflessione (e a voi toccherà leggere i miei).

Partiamo dal principio: ci sono quei due tizi, due librai, che ogni giorno hanno a che fare non solo con i nostri, tanto amati, libri bensì con quegli esseri che a volte li comprano, ovvero i clienti. E ce ne sono per tutti i gusti. Così scoprirete che per qualcuno esiste ‘Harry Potter e la Croce di Gerusalemme’ – e non ci sarei arrivata neanche io ad un’invenzione del genere, partendo dal presupposto che ho smesso di leggere la saga quando ho scoperto che il quidditch è un gioco che si pratica sulle scope della Befana – e scoprirete che altri hanno manie davvero impensabili, come quella di controllare le virgole all’interno delle traduzioni.

E fin qui tutto potrebbe anche essere digerito facilmente, perché in fondo qualche strana abitudine l’abbiamo tutti e qualche titolo l’abbiamo inventato anche noi.

Però, e comprendo bene il punto di vista dei librai, non è possibile far finta di nulla davanti al cliente che chiede continuamente uno sconto e all’aspirante scrittore incredulo del fatto che il suo libro – opera massima del nulla cosmico – non sia esposto in vetrina. Qui entra in gioco la conoscenza dell’editoria e del mercato editoriale ed è vero, diciamolo, che nessuno, in questo campo, ne sa più del libraio. Perché il libraio ha contatti con gli uffici stampa, con le case editrici, con i rappresentati; perché il libraio sa molto prima di te cosa uscirà sul mercato fra tre mesi e su quali opere una determinata casa editrice punterà di più; perché il librario, purtroppo, sa anche che a causa di quello che viene definito il Mostro letterario, verranno prodotti tanti altri Mostri. E tu, che magari hai scritto un romanzetto, anche un po’ sgrammaticato, che narra la stessa storia che altri cento hanno scritto prima di te, perché dovresti essere in libreria? Magari quel libro l’hai anche pubblicato pagando centinaia di euro. Informati riguardo alla distribuzione del tuo editore/tipografo, che sicuramente, ricevuti i tuoi soldi, ti avrà fatto credere che la tua opera sarebbe stata reperibile OVUNQUE. Bugia.

Questo punto mi tocca profondamente, perché – e chi ha lavorato in piccole o medie case editrici lo sa – quotidianamente le mail per la ricezione di manoscritti sono prese d’assalto dalle opere più improbabili, in cui anche la base minima di conoscenza dell’italiano diventa un’optional.

Chiuso per Kindle mi ha ridato anche speranza: i classici si vendono ancora e così anche la poesia – quella vera, non quella che molti pensano di scrivere andando a capo ogni tre parole.

Chiuso per Kindle mi ha ricordato un caro amico libraio, uno di quelli veri, come Massimiliano e Pier Francesco, che mi ha sempre affascinato grazie alla sua profonda conoscenza del mondo del libro. Un giorno, se sarete fortunati, avrete un amico libraio – no, non un commesso di un grande megastore – e potrete andare con lui in giro per le fiere del libro di tutta Italia: ecco, prendetelo per mano e lasciate che vi racconti un po’ delle sue storie.

Voi due, voi due librai, che avete scritto questo libro, mi avete ricordato i sogni, quelli che cercavo da bambina tra le pagine di carta, perché un libraio, se lo ascolti, ti regala viaggi, esperienze ed emozioni. E se devo pagarlo questo viaggio, ve lo pago volentieri, senza sconti.

La tesi supportata in questo volume è ciò che mi ha colpito maggiormente, perché è una tesi valorizzata dai più ma forse mai snocciolata al pubblico così bene: nonostante il digitale il libro sopravviverà. E ci credo fortemente anche io.

Ho un Kindle, lo ammetto. Leggo molti libri in versione digitale, per motivi banali quali risparmio di spazio e denaro. Però mi purifico dai peccati frequentando assiduamente la biblioteca del mio piccolo paesello, costituita da volontari ormai abituati al mio continuo smarrimento della tessera. Non leggo le recensioni sul web, non compro eBook in base agli algoritmi insensati dei siti di vendita, non compro neanche gli inserti settimanali dei maggiori quotidiani; sapete come scelgo i libri da acquistare? ANDANDO IN LIBRERIA.

Andate in libreria, sfogliate il volume, annusatelo – sì, annuso i libri e l’odore della carta non è paragonabile a nulla – e fatevi catturare da un titolo, una copertina o una storia. Osservate e scegliete, ascoltate i librai, parlate con loro e fatevi trasportare nel loro mondo.

Il libro non svanirà mai, perché non è solo un oggetto e non è solo un supporto ma è un mondo. E allora, per risparmiare, o almeno così faccio io, alcuni volumi li acquisto nel loro bellissimo formato di carta, altri nel loro comodo formato digitale.

Il libro non svanirà mai. Non lo dicono solo i librai – indipendenti, che ogni giorno sudano il loro pane tra le novità, i classici e i clienti – ma lo dicono i fatti che, forse, non sono sotto gli occhi di tutti.

Lo dico anche io. Sono figlia di una rilegatrice – non sapete cosa sia? – che ancora cuce libri a mano, con ago e filo, e crea copertine e dorsi stampando con i caratteri mobili – sì, gli stessi del famoso Gutenberg – e sono cresciuta giocando tra le A maiuscole e le E accentate. Insomma, il libro è magia, dalla prima volta in cui ne venne stampato uno nella storia.

Comprate Chiuso per Kindle perché sognerete navigando nella realtà.

(Ehi, esiste anche in versione digitale!)

 

 

Consigli per le vostre letture estive!

Biblioteca Lesbica

woman-reading-book-at-beach

È tempo di estate, è tempo di letture.
Per chi trascorrerà le vacanze su una spiaggia assolata e per chi, invece, preferirà la montagna e la sua temperatura mite, Biblioteca Lesbica vuole offrire uno spunto per scegliere le opere da portare con sé in valigia.

E ce n’è per tutti i gusti.

Se amate i classici, non possiamo non consigliare la lettura di Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop, di Fannie Flagg. Il romanzo, del 1987, è ormai conosciuto a tutti, anche grazie alla trasposizione cinematografica del 1991. Le vicende vengono narrate dalla signora Weems e dall’anziana Threadgoode che racconta anche la storia d’amore tra Ruth e Idgie. Un resoconto emozionante, reale e dolce della società degli anni Trenta e Quaranta, capace di trascinare il lettore fino alla sua fine.

Per chi invece cerca qualche novità, tra le ultime opere a tematica uscite sul mercato…

View original post 283 altre parole

Time Crime e Linda Castillo

Time Crime è un progetto editoriale di Fanucci Editore, ovvero un nuovo marchio rivolto a agli amanti dei gialli e dei thriller che propone nuove opere e romanzi cult. Time Crime punta su copertine semplici e titoli di impatto, font che richiamano subito il genere e un catalogo adatto a tutti i lettori che io chiamo ‘lettori gialli’. Come me.

Così ho scoperto una scrittrice, Linda Castillo, e le sue quattro opere, nonostante la prima di queste, ‘Costretta la silenzio’, fosse stata già pubblicata da Fanucci nel 2010. E le ho divorate. O almeno ho iniziato a divorarne tre, terminandole in una settimana, mentre la quarta sta aspettando la notte che verrà per essere letta.

‘Costretta al silenzio’, ‘In un vicolo cieco’ e ‘La lunga notte’ sono i primi tre romanzi copertina dal webdell’autrice, seguiti da ‘Scomparsa’, in cui la protagonista, Kate Burkholder, capo della Polizia di Painter’s Creek in Ohio, ex Amish, dovrà investigare su oscuri e malvagi omicidi. Nulla di nuovo, soprattutto trattandosi di thriller, penserete voi. In realtà la Castillo, nei suoi romanzi, tratta temi che difficilmente vengono trattati altrove, parlando delle comunità Amish, comunità in cui la sua protagonista è nata e cresciuta.

Gli Amish costituiscono una comunità religiosa con regole e leggi ferree che li mantengono lontani dal mondo comunemente definito ‘occidentale’. Infatti non è loro permesso l’uso dell’elettricità e delle automobili, così come non è permesso vestirsi con abiti ‘lussuosi’ e adornarsi. Vietati anche i ritratti e le fotografie così come qualsiasi tecnologia. Le più grandi comunità Amish si trovano in America e nell’Ohio in particolare. La loro storia risale al Cinquecento e interessanti saggi e opere varie sono state scritte sull’argomento. Al loro interno, gli Amish, sono suddivisi in altre chiese tanto che alcune sono meno rigide di altre e permettono l’utilizzo di strumenti elettrici per il lavoro o per le emergenze (spesso solo il vescovo, capo della comunità, possiede un telefono che si può usare solo in casi di assoluta necessità). Proprio per questi e altri motivi, i rapporti tra Amish e la comunità sono spesso difficili, tanto che tutti gli estranei vengono da loro chiamati ‘inglesi’, nonostante queste comunità siano assolutamente pacifiste e spesso aperte per chi voglia aggregarsi a loro.

Ed è qui che Linda Castillo ambienta in suoi romanzi. Una poliziotta, messa sotto bann dalla comunità a cui apparteneva (nelle comunità Amish il battesimo viene dato in età adulta e chi decide di non battezzarsi viene escluso), indaga su crudeli omicidi che vedono coinvolta la comunità Amish, spesso portata a non voler avere contatti con l’esterno e aiuto dalla Polizia. Così Kate dovrà anche fare i conti con il suo passato.

I romanzi sono scorrevoli e, specialmente dalla metà in poi, diventa praticamente copertina dal webimpossibile staccarsene fino al termine. Ecco svelato il mistero delle mie, ormai perenni, occhiaie. Una piacevole scoperta che non smetterò di seguire.

 

La generazione de Gli sdraiati

Un saggio sulle nuove generazioni. Il punto di vista di un padre che cerca di comprendere dal webciò che può avvenire nella mente di un figlio. A tratti ironico e divertente, a tratti così riflessivo da farti sprofondare in una sensazione di ‘non speranza’. ‘Gli sdraiati’ racconta le generazioni a confronto e analizza soprattutto la generazione dei nuovi adolescenti che, come descritto, sono soliti diventare un tutt’uno con il divano, in mutande, con una mano sul telefono, una sul computer e le orecchie chiuse dagli auricolari di un MP3.

E ho sorriso tristemente pensando alle nuove generazioni che non riescono a godere della bellezza di quelle piccole cose che per i nostri genitori sono tradizioni, che sia un tramonto, un temporale o una montagna. E ho riconosciuto in parte me stessa – anche se i diciotto anni li ho superati da un bel po’ – nei ragazzi che lanciano calzini ovunque e indossano felpe irriconoscibili per forme e misure. Perché io sono della generazione a metà: quella non ancora totalmente dipendente dalla tecnologia ma quella che ancora fatica a vedere una speranza nel futuro.

‘Gli sdraiati’ è un libro che comunemente verrebbe definito ‘di poche pagine’ ma l’autore in quelle pagine ha racchiuso l’intero globo di un padre e un figlio messi a confronto, analizzando anche i comportamenti, le paure e le sensazioni dei genitori. Un’opera che, al termine, ho ritenuto reale, cruda e forse anche dura nelle sue verità. Un apprezzamento particolare per lo stile scelto da Serra che è stato capace di fornire al lettore un libro al cui interno si trova ‘il tutto’, un’opera che riesce a far riflettere il lettore senza annoiarlo.

E nella lotta tra l’armata dei Vecchi e dei Giovani, chi vincerà?